fbpx

Consiglio comunale aperto sulla Franco Tosi e le prospettive economiche e del lavoro nell’Altomilanese

Questa mattina ero presente al consiglio comunale aperto voluto per discutere di Franco Tosi e della situazione economica e del lavoro dell’intero Altomilanese; la sala era gremita, gli interventi di Sindaco, dell’amministratore delegato di Gammon, l’indiano Shiva, i relatori delle associazioni sindacali, i rappresentanti di industria e commercio e del rappresentante del Ministero della Sviluppo Economico, hanno spiegato bene quali siano i problemi e le proposte per risolvere il problema del lavoro.

La maggior parte dei presenti ad udire quanto si diceva erano i lavoratori di Franco Tosi, la sala era così piena che nella sala degli Stemmi (ex sala consiliare) è stato allestita la proiezione in diretta della seduta; sono stati dati temi e numeri che fanno rabbrividire, sono state fatte riflessioni che sembravano delineare un clima “cupo”, non sono però mancate le iniezioni di fiducia sul futuro, e la cosa principale che è stata detta è che “da questa crisi se ne esce tutti assieme facendo rete cooperando tra i tanti attori, lasciando perdere i campanilismi“.

Per quanto riguarda la situazione Franco Tosi il dott. Castano, responsabile presso il ministero dello Sviluppo Economico delle crisi aziendali, ha chiaramente detto che la situazione la si può risolvere se gli attuali proprietari si assumono le proprie responsabilità e cominciano a dare risposte alle tante richieste fatte, solo con la collaborazione degli attuali proprietari la situazione si potrà risolvere.

L’amministratore di Gammon, proprietaria di Franco Tosi, ha iniziato dicendo che “Legnano è la Franco Tosi e la Franco Tosi è Legnano” e poi ha chiesto ai media di “sostenere l’immagine internazionale dell’azienda per renderla affidabile” …

Questa mattina è iniziato un nuovo percorso, che responsabilizza tutti: amministrazione comunale, partiti politici e associazione di categoria del mondo del lavoro; questa mattina si è visto anche come il mondo politico, aspramente criticato, a volte litigioso, ha dimostrato la piena unità di fronte a problemi così importante, infatti il consiglio comunale fu voluto da tutti approvando un ordine del giorno all’unanimità.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.