fbpx

Democrazia è confronto

Una sana democrazia vive sempre del confronto tra le parti, un confronto che si deve accettare anche quando magari le cose enunciate non sono condivise; in una democrazia è normale che chi è in disaccordo con qualcosa o qualcuno lo manifesti liberamente senza problemi, lo manifesti senza aver timore di essere “perseguito”, uno stato che garantisce ciò, e tutela questa possibilità, è uno stato che garantisce la libertà di espressione.

Libertà di espressione che aiuta anche la partecipazione ed il coinvolgimento delle persone; uno stato democratico aiuta anche a formare cittadini che tra i propri valori, e sentimenti, coltivano questi aspetti avrà la sicurezza di far progredire la propria nazione; chi ovviamente pensa che il confronto sia inutile, chi pensa che la sua posizione è l’unica pensa ad una visione totalitaristica dove “le regole le faccio io e le gestisco come voglio”.

Con l’avvento di internet e i social network la libertà di espressione, la velocità di coinvolgimento delle persone, è aumentato a velocità esorbitante; tutto il mondo è in internet, in questa rete tutti possono trovare informazioni, possono approfondire gli argomenti a cui tiene principalmente. La rete è vista, da qualcuno, come la vera democrazia perché le idee circolano liberamente senza confini e senza censure, tutti possono interagire e quindi la nascita di punti di vista è più accelerata.

La cosa che a volte stona è quella che a volte sembra nascano forme di “censure” per togliere commenti non graditi; a me è personalmente successo che qualcuno scrivesse sulla mia bacheca Facebook un commento fuori luogo, avrei potuto toglierlo, ma visto che non era volgare ed offensivo decisi di lasciarlo lì, infatti è bene che ognuno si assuma la responsabilità di quello che scrive sulla propria bacheca, ma ancora di più se va a scrivere su siti o bacheche di altri.

Vi riporto il commento che mi apparve sul mio Facebook il 22 Ottobre 2011, per motivi di privacy di colui che mi scrisse ho tolto il riferimento alla persona

Commento su facebook